TOP

Quattro parole su di me...

Dopo gli studi universitari presso la Facoltà di Agraria di Torino e dopo diverse esperienze nel settore agricolo, Dario Pozzolo decide che il suo lavoro sarebbe stato alle dipendenze di "milioni di operaie".

Così nel 1996 diventa apicoltore ed inizia un’attività che lo avrebbe portato a seguire le fioriture dalla pianura all’alta montagna, per poter mettere in condizione le api di produrre più tipologie di mieli.


Acacia, castagno, tiglio, tarassaco, sono solo alcuni dei mieli prodotti in pianura, mentre altri quali rododendro, melata di abete e millefiori di alta montagna fanno parte del Presidio mieli di Alta Montagna di Slow Food. Ma la necessità di conoscere le caratteristiche dei mieli prodotti lo spinge ad avvicinarsi all’Analisi Sensoriale.

Nel 2008 entra a far parte dell’Albo Nazionale Assaggiatori miele e dal 2014 è Docente abilitato a svolgere le attività riconosciute dall’Albo stesso. Molteplici sono le attività di tipo didattico-divulgativo che svolge con le scuole e l’Università. Dario ritiene indispensabile l’attività di divulgazione di tutto ciò che riguarda il mondo delle api ma soprattutto sviluppare la conoscenza dei mieli attraverso incontri, degustazioni, e collaborazioni con esperti di cucina.









Dario Pozzolo Apicoltore utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento