TOP

Domande Risposte sul miele..



Perché il miele cristallizza?

La cristallizzazione del miele è un processo assolutamente naturale. Infatti è il rapporto glucosio e fruttosio esistente nel miele che ne determina la, più o meno rapida, cristallizzazione.

E’ meglio il miele liquido o cristallizzato ?

La scelta tra miele cristallizzato o liquido è una questione di gusto personale. Alcuni mieli come acacia, castagno e le melate si mantengono liquidi più a lungo. Altri come il tarassaco cristallizzano nel giro di pochi giorni dall’ invasettamento.

Il miele fa ingrassare ?

Il miele è un alimento energetico(circa 320 kcal ogni 100 g) . Ha però un elevato potere dolcificante per cui è possibile addolcire un alimento utilizzando meno calorie che se lo si facesse utilizzando lo zucchero.

Miele o mieli ?

Il motivo per cui si parla di mieli e non in maniera generica di miele è perché piante diverse danno nettari diversi. Solo in Italia è possibile produrre circa 50 mieli monoflorali . Infinite sono le variazioni di mieli millefiori.

Curiosità sulle api

Ogni anno in una famiglia vivono 50/60.000 api.
L’ape operaia, durante il periodo di produzione, vive circa 40-50 giorni. L’ape regina, invece, può vivere fino a 5 anni.
L’ape regina depone fino a 2000 uova al giorno.
Per produrre un chilo di miele sono necessari 60.000 voli dall’arnia al fiore e ritorno.
Le api di un alveare in un giorno possono visitare fino a 200.000 fiori.
La velocità media di un’ape e di circa 20km/h.


Dario Pozzolo Apicoltore utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento